1985_2Per la VI edizione di questa esposizione, l’AIAM ha voluto invitare, accanto ai propri soci, alcuni artisti medaglisti della Polonia, realizzando così un gemellaggio artistico fra i due Paesi che vantano ambedue un’alta tradizione nell’arte della medaglia.
La mostra, organizzata dall’AIAM, è stata allestita nella Sala Barbo di Palazzo Venezia, in Roma. Inaugurata il 1 novembre 1985 è terminata il 15 novembre dello stesso anno.
Sono state esposte le medaglie dei soci, suddivisi in medaglisti (55) ed editori e stabilimenti (10). Oltre agli artisti italiani, hanno partecipato all’esposizione 16 artisti polacchi con proprie medaglie.
La mostra, trasferita in Polonia, ha ivi itinerato dal dicembre 1985 all’aprile 1986 ed ha toccato le principali città, concludendosi a Varsavia, presso il Museo del Palazzo Reale dove ha costituito il primo nucleo del “Gabinetto della Medaglia Italiana”.
La mostra è stata corredata di un catalogo illustrato.

Ancora una volta questa periodica rassegna della produzione medaglistica dei soci dell’A.I.A.M. prende avvio nella prestigiosa sede di Palazzo di Venezia; messo cortesemente a disposizione dalla Sopraintendenza per i Beni Artistici e Storici di Roma.
Al Sovraintendente prof. Dante Bernini, sempre sollecito ai problemi della cultura, il nostro vivo ringraziamento.
A questa edizione della mostra partecipano, graditi ospiti, alcuni dei più rappresentativi medaglisti polacchi.
In Polonia la medaglia, affermatasi ai primi del 1500 nell’ambiente tardo-rinascimentale della corte del Wawel, seguì a lungo la via della tradizione; ma negli ultimi decenni del nostro secolo è passata decisamente all’avanguardia, abbandonando spesso i consueti canoni formali. Perciò con vivo interesse accogliamo in fraternità d’arte le opere degli ospiti; e ringraziamo le autorità culturali e diplomatiche polacche per averne reso possibile la presenza alla mostra.
Con l’augurio che questo gemellaggio medaglistico contribuisca a rafforzare i rapporti culturali che da secoli intercorrono fra Italia e Polonia.
(Guido Canaletti, Presidente AIAM, dalla prefazione al catalogo)

Ho appreso con immenso interesse la notizia riguardante il progetto dell’Associazione Italiana della Medaglia di organizzare una mostra al Palazzo Venezia A Roma.
Vorrei esprimere il mio più alto riconoscimento per l’invito rivolto agli artisti polacchi a partecipare a questa mostra. Questa iniziativa permetterà di presentare i loro lavori al raffinato pubblico romano e senz’altro sarà una nuova occasione per approfondire i legami di amicizia che uniscono i nostri due popoli, e che nel campo della cultura hanno già una tradizione millenaria.
Ai nostri giorni tumultuosi, pieni di conflitti e pregiudizi, ogni iniziativa che possa servire all’avvicinamento ed alla migliore comprensione reciproca ha un’importanza particolare per attenuare le incomprensioni e le tensioni, e nello stesso tempo servire all’ulteriore sviluppo della cooperazione pacifica tra i popoli.
Tutti coloro che portano un contributo a tale scopo, tramite le singole ma molto importanti iniziative, servono anche la causa di pace.
Ringraziando nuovamente I’Associazione Italiana della Medaglia per l’ospitalità offerta ai medaglisti polacchi esprimo la mia viva convinzione che essa avvierà una nuova e fruttuosa cooperazione tra gli artisti polacchi e quelli italiani.
Augurando pieno successo alla Mostra e grande soddisfazione all’AIAM porgo distinti ossequi.
(Jozef WIEJACZ, Ambasciatore della Repubblica Popolare di Polonia, dalla prefazione al catalogo)

Torna all’elenco