bronzo 70mm

dritto

Italia turrita, incedente a destra, regge una bandiera
[nel campo a destra:] XXV | ANNO | DELLA | REPUBBLICA | 1946 | 1971
rovescio

Bambino che gioca col cerchio; nel campo di sinistra DAL / CENTRO/ AL CERCHIO/ SÌ DAL CERCHIO/ AL CENTRO ; nel giro ASSOC. ITALIANA AMICI DELLA MEDAGLIA . A . I . A . M . 1971/
coniazione

Ditta A. E. Lorioli Fratelli, Milano
biografia medaglista

GUERRINO MARIA MONASSI (1918-1981)
Incisore e medaglista. Nasce il 30 giugno del 1918 ad Avilla di Buja. Conseguita la maturità artistica, ottiene ammissione alla R. Accademia di Belle Arti di Roma, che in seguito lascerà in quanto nel frattempo era stato ammesso, con borsa di studio per l’anno 1937-38, alla Scuola dell’Arte della Medaglia presso la Zecca. Al compimento dei suoi studi rientra in Friuli e si dedica all’insegnamento del disegno. Nel 1950 viene assunto alla Zecca e nel 1954 diviene incisore capo. Dal 1968 insegna per circa un decennio alla Scuola dell’Arte della Medaglia. In qualità di incisore realizza i modelli del dritto delle Lire 1000, con busto della Concordia, per il Centenario di Roma Capitale d’Italia, e delle Lire 100 per il Centenario della nascita di Marconi. Assieme a Goffredo Verginelli, lavorò alle 500 Lire per il 7° Centenario dantesco (1965). A queste si aggiungono le incisioni per la monetazione della Città del Vaticano e per alcune serie della Repubblica di San Marino. Importante è anche la sua produzione medaglistica: da ricordare la serie del «Credo» per il Concilio Vaticano II, «i Grandi Friulani» e le numerose medaglie realizzate su commissione per il Friuli, come quella dell’«Orcolàt», dalla cui vendita furono ricavati fondi per la costruzione delle botteghe artigiane distrutte dal terremoto del 1976. Nel 1974 fondò l’Associazione Medaglistica Esaltazioni Storiche, che ebbe riconoscimento giuridico due anni dopo la sua morte, avvenuta nel 1981.